Lo spirito del raduno

Nel 1989 il Trofeo Bisenzio sceglie di chiamarsi “Raduno di costruzione” e non “gara” per un motivo preciso. L’intenzione è quella di unire i pescatori con la mosca, di trovare spunti per collaborazioni e ipotesi di progetti unitari.

Non tocca a noi dire quanto questo spirito abbia contribuito alla diffusione della Pesca a Mosca o quanto abbia dato all’evoluzione della tecnica di costruzione, Noi crediamo in un modo di interpretare questa passione fatto di attenzione per l’ambiente, di conoscenza degli ecosistemi, degli insetti, di tutto ciò che circonda e comprende il pescatore. Lo svago, il piacere della cattura sono solo conseguenza di tale sensibilità e conoscenza.

E’ davanti agli occhi di tutti il fatto che la stragrande maggioranza delle esperienze gestionali degli ecosistemi tocca, quale onere, ai pescatori, e, in particolare, ai pescatori a mosca.

Crediamo per questi motivi che sia opportuna e forse addirittura necessaria una convergenza di informazioni, uno scambio costante di esperienze, un rapporto di interazione stretto e prolungato nel tempo tra i vari gestori di A.R.S. e tra le varie amministrazioni, al fine di raggiungere prima e meglio i risultati che tutti ci aspettiamo.

La stampa ed i vari forum telematici hanno ben evidenziato, negli ultimi tempi, i limiti delle esperienze gestionali che esulano dal rispetto della natura, divenendo spesso dei piccoli “ghetti” per i pescatori. L’ eccessiva pressione di pesca, il comportamento falsato della popolazione ittica, frutto di immissioni sconsiderate, o peggio di popolazioni selvatiche, divenute domestiche a causa dell’abitudine al pescatore, non può e non deve essere la strada da intraprendere.

Sarà il lavoro delle Associazioni, che, con gli anni ed i buoni risultati ottenuti, dovrà portare le Amministrazioni Pubbliche a rendersi conto che l'unica strada percorribile è quella di una gestione efficiente, seria, ecosostenibile di tutte le nostre risorse, siano esse fluviali, lacustri o marine.

E' questo l'impegno che vorremmo incentivare, e questo è lo spirito del raduno: aiutare il lavoro delle associazioni, incentivare in esse la presenza e l’entusiasmo delle giovani leve, ricordare che non c’è lancio o costruzione che tenga se l’ecosistema fluviale non è protetto e ben gestito; questo vuole essere lo spirito che ci accomuna e per questo è importante ricordare ed enfatizzare il lavoro di chi tanto ha fatto e di chi tanto ha dato per tutti noi.

Prato Mosca Club


Stampa questa pagina